MEZZOMETRO – HEARTZ

9 Dicembre 2017
Mezzometro
Old Harlem - Serious Music
Producer: Ness

Heartz è un pezzo ambientato in un futuro post-apocalittico che per quanto possa sembrare lontano è molto vicino a noi in molti aspetti, in Heartz la digitalizzazione globale è portata ai massimi livelli, fino ad includere la cosa che piu ci differenzia dalle macchine: I sentimenti.
Heartz è un invito a non ibernarsi e a dare un valore alle cose che ci rendono davvero vivi.
Vuole far viaggiare e muovere la testa a tempo tra le atmosfere del beat di Ness e allo stesso tempo vuole far riflettere sullo stile di vita di molte persone che si abbandonano ad una vita ‘meccanica’ svolgendo azioni cicliche che alimentano solo il bene collettivo e mai quello personale, un po’ come i componenti di un qualsiasi circuito elettrico.

 

TESTO:

[Strofa 1]
Li ho visti spesso fare a botte senza sentimenti
Accoppiarsi o veder la morte rimanendo freddi
Sanno restare fermi se stanno intorno a me senza parlare con me
Hanno gabbie toraciche in metallo
Occhi in alluminio
Gli stessi abiti a giacca in acciaio inox
Connettori sottocutanei e microchip in fronte
Stanno in stand-by di giorno
In carica di notte
Mi muovo tra loro
Ho solo un cuore in petto son diverso da loro perciò resto da solo
Sono vivo ad ogni battito che passa
Sarà una condanna
Ma spesso è tutto ciò che mi salva
Mi vogliono far fuori
è una guerra la fuori
E non è la fortuna che aiuta gli automi
è che in tempi peggiori sono due cose differenti stringere i denti e stringere i bulloni

[Ritornello]
Sto cuore batte a tempo su ogni giro amico
Cerco un motivo ma non so come funziona ancora
E c’ho un capitolo da aggiungere a sta storia perché il cuore batte ancora e ancora mi tiene vivo
Tra ‘sti cloni che mi rubano il respiro vivo
Dove l’aria sa di ferro e non migliora ora
Il cuore batte e io non so come funziona
So solo che batte ancora e ancora mi tiene vivo

[Strofa 2]

Scappo sul nastro trasportatore e li vedo andare a lavoro coi software da clone nella ventiquattrore
Sono neutroni in un circuito di coglioni
In cielo i droni hanno sfrattato gli aironi e questi androidi esprimono emozioni in codici binari è uno scontro impari e mi tocca districarmi tra ‘ste mani pronte ad hackerarmi i geni ed impiantarmi cavi
Per succhiarmi l’energia e rubarmi gli istinti animali via
Non posso andare via
Ma finché resto non so venderla la pelle mia
Mi formatteranno l’hard disk
Quando troveranno delle impronte digitali combacianti alle mie
Mai l’amore non lo copi e incolli e non te lo passi via wi-fi
Le mie emozioni son fuori da database
Sono figlio della terra e non di una scheda madre

[Ritornello]
Sto cuore batte a tempo su ogni giro amico
Cerco un motivo ma non so come funziona ancora
E c’ho un capitolo da aggiungere a sta storia perché il cuore batte ancora e ancora mi tiene vivo
Tra ‘sti cloni che mi rubano il respiro vivo
Dove l’aria sa di ferro e non migliora ora
Il cuore batte e io non so come funziona
So solo che batte ancora e ancora mi tiene vivo

 

 

FREE DOWNLOAD

Double Haitch Crew © 2017 All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi